Home » ASSOFANTE TRIESTE

ASSOFANTE TRIESTE

.

. - Cravatte Rosse 1°San Giusto

ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEL FANTE SEZIONE PROVINCIALE DI TRIESTE

ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEL FANTE SEZIONE PROVINCIALE DI TRIESTE - Cravatte Rosse 1°San Giusto

 L’Associazione Nazionale del Fante è apolitica ed apartitica, senza fini di lucro. Essa ha carattere esclusivamente patriottico, morale e culturale.

Le sue finalità principali sono:

  • l'amore e la fedeltà alla Patria;
  • il rafforzamento dei vincoli di fratellanza e di solidarietà fra tutti i Fanti, in congedo e in servizio;
  • l'assistenza ai Soci;
  • la collaborazione con le altre Associazioni d'Arma;
  • la promozione di attività culturali, ricreative, sportive ed umanitarie.

 Lo statuto dell'Associazione Nazionale del fante (  link al sito nazionale)

L'Associazione Nazionale del Fante venne costituita in Milano il 7 Luglio 1920, per iniziativa del Tenente di Complemento Giuseppe Fontana, pluridecorato combattente della prima guerra mondiale che cadrà nel '43 a seguito delle ferite riportate sul fronte russo.
Accogliendo le richieste dei Fanti reduci della Grande Guerra, la prima Sezione dell'Associazione fu inaugurata a Milano il 24 Ottobre 1920.

Distrutti gli archivi dalla furia degli eventi bellici del secondo conflitto mondiale, resta traccia dell'uscita del primo numero del giornale "il Fante d'Italia" e del primo raduno nazionale dell'associazione tenutosi a Roma il 24 maggio 1934 e, a seguito del quale, l'Associazione muta nome in "Reggimento Fanti d'Italia".

Ripresa la vita associativa nel 1949 di nuovo come Associazione Nazionale del Fante, rapidamente la struttura si espanse fino a comprendere più di duemila sezioni.

Da allora, innumerevoli sono state le opere esplicate dall'Associazione come Assemblee, Raduni Regionali e Provinciali, erezione e inaugurazione di monumenti dedicati ai caduti, creazione di attività sociali e culturali.

La Presidenza Nazionale e la rivista "il Fante d'Italia"hanno sede a Milano in Via Tonale, 20 e possono essere contattati, telefonicamente o via fax, allo 0267075069, indirizzo mail: assofante@virgilio.it

L'Associazione è presente sul web all’indirizzo: www.associazionenazionaledelfante.it

ORGANIZZAZIONE ASSOCIATIVA SEZIONE DI TRIESTE

ORGANIZZAZIONE ASSOCIATIVA SEZIONE DI TRIESTE - Cravatte Rosse 1°San Giusto

 Sede

Via XXIV Maggio, 4
34133 TRIESTE TS

Orari di apertura: La sede è aperta ogni primo martedì del mese dalle 17.30 -19.00.  E' possibile ottenere l'apertura su appuntamento in altre giornate contattando la presidenza al numero 3471889129

 Emailassofantetrieste@gmail.com

 Ufficio di Presidenza e Consiglio direttivo

- Presidente : Mauro PIERAZZI ; (tel. 3471889129)
- Consigliere e Vice Presidente : Pierpaolo DONVITO ; ( tel. 3428277444)
- Consigliere e Segretario : Livio FOGAR ; (tel. 3203354115)
- Consigliere e Tesoriere : Lgt. Vincenzo RESCIGNO
- Consigliere : Pierpaolo PURELLI (tel. 3309374000)
- Consigliere : Dario LONZARIC ( tel 3391742435)

 

Quota annuale: Socio ordinario 15 euro ( è incluso l'abbonamento alla rivista "Il Fante d'Italia" ). Per Iscrizioni e rinnovi di quote rivolgersi alla segreteria sociale negli orari di apertura oppure telefonare a 3471889129.

CENTENARIO DEL MILITE IGNOTO

CERIMONIA DEL MILITE IGNOTO ORGANIZZATA DAI FANTI DELLE “CRAVATTE ROSSE” DEL 1° “SAN GIUSTO”

Sabato 11 settembre 2021, i Fanti della Sezione di Trieste (Gruppo Reggimentale 1° “San Giusto”), su iniziativa dell’Associazione del Fante nazionale, hanno organizzato la cerimonia della raccolta dell’acqua alle foci del Timavo ripercorrendo quella avvenuta 100 anni fa in occasione della traslazione della salma del Milite Ignoto che Maria Maddalena Bergamas, tra 11 bare senza nome, indicò come quella del figlio Antonio.
Alla cerimonia hanno presenziato autorità civili, la professoressa Grazia Riccio Bergamas pronipote di Maria Maddalena, Fanti di Trieste e del Triveneto, appartenenti ad associazioni combattentistiche e d’arma mobilitatisi per la ricorrenza e tre figuranti in divisa della Grande Guerra dell’Associazione “I Grigioverdi del Carso”.
La cerimonia si è aperta col saluto di benvenuto ai partecipanti da parte del Presidente della Sezione del 1° “San Giusto” Mauro Pierazzi, cui è seguita l’alzabandiera davanti alla Chiesa di San Giovanni in Tuba (Aurisina, TS), ricostruita nel primo dopoguerra a seguito dei danni patiti per le vicende belliche, e la Messa officiata dal già Fante delle “Cravatte Rosse” don Angelo Scarabottolo. Al termine della funzione, i presenti si sono spostati sul retro della chiesa dove si trovano le foci del Timavo. Le bandiere ed i labari hanno preso posizione e, seguendo gli ordini dati dal cerimoniere Fante Pierpaolo Purelli, sono stati resi gli onori ai Caduti e deposta una corona. Successivamente, undici Fanti di Trieste e del Veneto si sono schierati di fronte alle ampolle di terracotta e, ad un comando impartito dal Vicepresidente della Sezione Pierpaolo Donvito, sono avanzati prelevando da ciascuna di esse il contenitore di plastica da riempire, si sono girati e, sempre in fila, recati al punto di raccolta. Dopo aver riempito i contenitori con l’acqua del Timavo, i Fanti si sono rischierati davanti alle ampolle e ad un secondo ordine sono avanzati, inserito i contenitori nelle ampolle e ritirati. Le ampolle sono state benedette da don Angelo e sono seguiti i ringraziamenti della professoressa Grazia Riccio Bergamas, del Sindaco di Duino Aurisina Daniela Pallotta, dell’assessore Fabio Scoccimarro in rappresentanza della Regione Friuli Venezia Giulia e del Fante del gruppo reggimentale “San Giusto” Vincenzo Rescigno in rappresentanza del Comune di Trieste.
Le fasi della cerimonia sono state seguite dai presenti con partecipazione, non un brusio si è levato e le uniche parole udite sono state quelle degli ordini scanditi dal cerimoniere e dal Vicepresidente. Alla fine di tutto, il Presidente Mauro Pierazzi ha ringraziato tutti per la buona riuscita della cerimonia che, oltre ad essersi svolta in maniera impeccabile, ha impressionato i presenti e raccolto gli apprezzamenti commossi della professoressa Bergamas.
Un sentito grazie va all’Associazione Nazionale del Fante per l’iniziativa intrapresa, ai Fanti del 1° “San Giusto” che hanno saputo farsi onore ed al Presidente dell’Associazione del Fante di Cividale Carlo Dorigo per i preziosi collaborazione e supporto prestati.

CENTENARIO DEL MILITE IGNOTO - Cravatte Rosse 1°San Giusto

MUSEO STORICO DELLA FANTERIA - ROMA

l museo storico della Fanteria è sito in piazza Santa Croce di Gerusalemme 9, nel rione Esquilino a Roma.

L'idea di fondare questo museo nacque alla fine della grande guerra mediante interessamento dei reggimenti dell'arma che presero l'iniziativa di creare nelle rispettive caserme dei piccoli sacrari che ricordavano alcune testimonianza delle tradizioni. Ma, durante la seconda guerra mondiale vennero smarriti o distrutti i cimeli conservati. In seguito, nel dopoguerra, lo stato maggiore dell'esercito affidò al Generale Edoardo Scala l'incarico di trovare il materiale da inserire nel nascente museo, ma ancora non si trovò un'idonea sede. Nel 1956 fu lasciato l'incarico al successore, il generale Attilio Bruno che si applicò per trovare una sede presso il museo storico dei granatieri di Sardegna. Con l'appoggio delle autorità militari e del ministero della difesa si recinse il palazzo. Infine il museo venne inaugurato l'11 novembre 1959 dall'allora presidente della repubblica Giovanni Gronchi. Il 28 giugno 1986 è diventato Ente di Forza Armata.

 
Il museo è suddiviso in tre settori: armi, bandiere ed uniformi e si compone in biblioteca ed archivio storico, sacrario, 35 sale con 5 gallerie ed androni. I vari reparti spaziano in vari settori, tra cui: in varie specializzazioni militari (specialità dell'arma e specialità coloniali), guerre prima e seconda guerra mondiale ed armeria. Inoltre il museo consta di varie donazioni ed acquisti, pitture, disegni e sculture tra cui la statua del "Partente" di B. Poidimani sita al pianoterra ed il "Redentore sulla croce" di Edmondo Furlan sita nel sacrario.

Le attività del museo sono soggette a continui aggironamenti, vi cosigliamo sempre di prendere contatto con gli uffici del museo, prima di intraprendere la visita.

L’ingresso è gratuito.​
Visite guidate possono essere effettuate previo accordo con la Direzione del Museo, telefonando allo 06 7027971.

MUSEO STORICO DELLA FANTERIA - ROMA - Cravatte Rosse 1°San Giusto
Cravatte Rosse 1°San Giusto

Cravatte Rosse 1°San Giusto